Misericordia Casale monferrato

Chi siamo   •   Servizi   •   News   •   Donazioni   •   Photogallery   •   Links   •   Contatti

Chi siamo

“Che Dio ve ne renda merito!”

Un cammino di perpetua solidarietà che si snoda nei secoli attraverso registri di speziali, elenchi di nutrici, atti e statuti ci accompagna alla scoperta della Misericordia…

La Compagnia della Misericordia di Casale viene fondata il 25 marzo del 1527 per merito di un lodevole gruppo di esponenti delle più importanti famiglie della città. I Confratelli, così si chiamano gli appartenenti alla Misericordia, senza distinzione di classe, prestano soccorso agli ammalati, forniscono vitto e vestiario ai poveri, costituiscono doti alle fanciulle bisognose, provvedono nutrici e balie alle famiglie, dispensano elemosine e concedono denaro in prestito agli indigenti; inoltre, fondano una scuola di musica e una scuola di grammatica. Si legge negli antichi Statuti:

“Essendo nell’anno corrente millecinquecentoventisette molta necessità, et carestia di grano, ed altre vittovaglie nella Patria del Monferrato, premendo di provvedere, e sovvenire alle grandezze occorse per la guerra, peste e saccheggiamento di pessima gente li infrascritti gentiluomini, mercatori et buone persone da Dio ispirati avere memoria quanto a lui siono le opere de la misericordia grate, hanno deliberato fare una Compagnia di persone secolari et tementi Dio, che abbino et esponino de suoi beni nelle mani de quelli Compagnia secondo li ordeni infrascitti, dispensando essi beni nell’uso de’ poveri… Incominciano i capitoli fatti per la Compagnia della Misericordia nell’inclita città di Casale per sussidio, et soventione de poveri, così di fuori d’essa città, come di drento, et specialmente per li abitanti et dimoranti nel dominio del Monferrato.”

La Compagnia della Misericordia viene inizialmente eretta nella Collegiata di Santa Maria di Piazza (attuale piazza G. Mazzini) dove viene posta la statua della Mater Misericordiae. In seguito, dopo una breve accoglienza della sua effige miracolosa presso la Cattedrale di Sant’Evasio, la Compagnia si trasferisce nella nuova sede voluta e costruita dai Confratelli: la seicentesca chiesa della Misericordia.

Questo cammino di solidarietà è stato oscurato dai difficili tempi delle soppressioni ottocentesche, ma ha ripreso luce da una nuova Misericordia, contemporanea e sempre rivolta al prossimo.

 

La Misericordia ri-nasce il 16 aprile del 1996 per iniziativa di un gruppo di esponenti del volontariato casalese, con l’intento di mantenere vivo e insieme rinnovare lo spirito che ha ispirato i Confratelli quasi cinquecento anni prima.

Oggi, la "nuova" Misericordia svolge sul territorio servizi di carattere sanitario come emergenza 118, trasporti per visite mediche, ricoveri e dimissioni, assistenza a eventi sportivi e manifestazioni socio-culturali; organizza corsi di primo soccorso, porta avanti il progetto 118 bimbi e collabora attivamente con la Protezione Civile.

Sono stati anni impegnativi, ma sempre pieni di soddisfazioni e di emozioni che noi Confratelli conserveremo tra i ricordi più cari. La nostra opera di Volontariato vuole distinguersi per l’impegno umano che mettiamo a disposizione del prossimo. Insieme alle tecniche di soccorso che abbiamo imparato e che continuamente aggiorniamo, una mano tesa e un sorriso sono le qualità migliori che sappiamo offrire. Il nostro obiettivo morale è riportare quel sorriso sul volto delle persone che abbiamo l’onore di aiutare. È la nostra migliore ricompensa!

 

 

La Vestizione

La cerimonia della vestizione è un momento solenne in cui viene ufficialmente sancito l’ingresso dei Confratelli aspiranti a far parte della Misericordia.

Dopo un periodo di formazione e di affiancamento ai Confratelli già effettivi, gli aspiranti dichiarano la propria volontà ad entrare a pieno titolo nella grande famiglia della Misericordia rispondendo “Eccomi!” alla chiamata del Governatore. Nella chiesa di San Domenico a Casale Monferrato, la cerimonia viene celebrata dal Correttore Spirituale della Confraternita, Don Antonio Gennaro, che benedice la giacca della divisa e la porge ai nuovi Confratelli, augurando loro un percorso di solidarietà ricco di soddisfazioni e riconoscimenti morali. Ogni aspirante Confratello lascia che sia un Confratello effettivo ad aiutarlo a indossare la giacca, in un momento simbolico che pone ognuno al servizio del prossimo.

 

 

Ultime notizie

19/07/2022

Nuovi volontari per accompagnare pazienti

Martedì 19 luglio presso la sede della Misericordia di Casale si è svolto...

02/05/2022

Nuovo corso per diventare volontari soccorritori

La Misericordia di Casale Monferrato apre il nuovo corso per diventare volontari soccorritori anno...

17/04/2022

Dalla Misericordia un regalo di Pasqua per i bambini

La Misericordia di Casale Monferrato, grazie ai suoi volontari e al contributo dell’azienda...

13/03/2022

Mise in piazza

I volontari della Misericordia hanno incontrato la cittadinza con un gazebo in piazza Mazzini....

27/02/2022

Servizi emergenza 118 sul territorio casalese

Anche per l’anno 2022 le associazioni locali Confraternita di Misericordia di Casale Monf.to,...